wrap up!

Wrap up! – Letture di Marzo –

Marzo ci ha appena lasciato ed è tempo di bilanci.
Questo mese ho letto in totale sette libri. Qualche libro in meno rispetto al solito ma avendo dedicato molto tempo allo studio di due classici posso ritenermi più che soddisfatta.
Senza perdermi in chiacchiere, in ordine di tempo, ecco il resoconto delle mie letture:

image

città di ossa Città di ossa- Cassandra Clare

Di certo non è un novità editoriale e sicuramente appartengo a quella piccolissima schiera di persone che non sono state coinvolte, a tempo debito, dal fenomeno Shadowhunters.
Devo ammettere di aver iniziato questa saga in previsione dell’incontro con Cassandra Clare, avvenuto l’8 Marzo, giorno in cui è stato rilasciato in America l’attesissimo Lady Midnight (Signora della Mezzanotte, edito in Italia da Mondadori), al The Grove di West Hollywood.
Inutile, in questo caso, che io vi parli del libro. Tuttavia (ora in molti mi odierete) devo dire che pur essendo stata una lettura molto coinvolgente, in questo momento non ho alcuna voglia di leggere il seguito. Capitolo a parte l’incontro con la Clare di cui forse ve ne parlerò presto.

 

doonDoon – Carey Corp e Lorie Langdon

Si tratta del primo libro di una trilogia, non disponibile in Italia, basata sul musical Brigadoon.
Anche in questo caso non si parla di un’uscita recente (Doon infatti fa il suo debutto in America nell’Agosto 2013). Tuttavia, ho voluto inserirlo fra le mie letture perché si ricollega al filone “Scozia/viaggio nel tempo” -portato alla ribalta da Diana Gabaldon con la serie Outlander- ed in quanto tale, volevo avere un termine di paragone. Doon, infatti, vede come protagoniste due adolescenti americane, le quali, alle prese con la loro vacanza estiva in Scozia, si ritrovano ben presto a vivere in un mondo parallelo.
In realtà, Outlander e Doon sono due libri completamente diversi. Pur condividendo il dettaglio fantasy del viaggio spazio/temporale, Doon nasce per un pubblico molto giovane, è privo di qualsiasi rimando storico e non ha una scrittura matura come quella della Gabaldon.

 

2015-9-2_12-10-50-9788868842642Miraggio di Luna- Ludovica Musumeci

Dell’esordio di Ludovica con questo libro, piccolo in numero di pagine ma grande nel contenuto, ve ne ho già parlato attraverso la recensione. Vi lascio il link se volete saperne di più.

 

 

 

 

ivanhoeIvanhoe- Walter Scott

È il primo dei due classici che mi sono divertita ad analizzare. Va detto che Ivanhoe l’ho letto diversi anni fa fra i banchi di scuola. Eppure, sentivo la necessità di farne una rilettura più matura e attenta. Fortuna che io abbia seguito il mio istinto: ho visto rifiorire questo testo fra le mie mani. Alla luce degli studi universitari ho colto dei passaggi che mai sarei riuscita a cogliere con la stessa lucidità durante gli anni del ginnasio. Se volete saperne di più, qui trovate il post ad esso dedicato.

 

il rancoreIl rancore non dimentica- Luca Russo

Credo di poter affermare con tranquillità che questa sia stata la lettura più bella del mese. Ve ne ho abbondantemente parlato qui  e ora preferisco sfruttare questo piccolo spazio per ringraziare Luca. La sua disponibilità e la sua gentilezza lo distinguono in un mondo (non mi riferisco a quello dei libri ma in generale) in cui tutto ormai si dà per dovuto o per scontato. Valore aggiunto alla sua- già di per sé- meritevole opera.

 

agaaveFiori di Agave sulla collina delle Fate- Sandro Capodiferro
Non ve ne ho parlato e ci sto ancora pensando se farlo o meno. Devo essere onesta e ammettere che il libro non mi è piaciuto ma se c’è una cosa che odio fare è creare negatività ed è per questo che mi sono astenuta dallo scrivere una recensione. Protagoniste due donne. Felicita, la protagonista reale. Adele, la protagonista del libro che Felicita sta leggendo. L’una è lo specchio capovolto dell’altra. L’idea di questo viaggio al femminile, o meglio, nell’animo femminile, mi aveva rapita al punto di scegliere questo libro fra tanti. Eppure mi sono ritrovata alla fine della storia con un grande amaro in bocca. Mi rendo conto adesso, proprio mentre scrivo, che forse una recensione la meriterebbe, quantomeno per spiegare e articolare le mie motivazioni in una giusta sede e non nelle poche righe di un semplice wrap up mensile.

 

Tristano e IsottaTristano e Isotta- Thomas

Come si dice? Dulcis in fundo! Questa è stata la mia impresa titanica del mese. Partiamo dal presupposto che ho una grandissima passione per la letteratura di stampo celtico e per la letteratura norrena (alle quali, vi anticipo, dedicherò una sezione sul blog) ma questa lettura si è rivelata veramente difficile. L’impresa non è stata tanto rappresentata dalla lettura dei versi (ai quali ho affiancato un commentario), quanto approcciarsi al testo stesso. Prima di scegliere la versione di Thomas mi sono dovuta districare fra un intreccio di autori e versioni pauroso. Una selva dantesca.
Sto lavorando ad una “recensione” per voi ma non è affatto facile trovare le parole per raccontarvi una delle leggende più dense di simbologie ed uno degli amori più audaci e tormentati che la storia ci abbia tramandato.

image

E per questo mese siamo giunti alla fine.
Fatemi sapere quali sono state le vostre letture e se avete dei testi che volete assolutamente consigliarmi!

Annunci

1 thought on “Wrap up! – Letture di Marzo –”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...