Recensioni

Recensione: L’Amica Geniale

 

index 

Titolo: L’Amica Geniale

AutoreElena Ferrante

Dati: 2011, 400p.

Casa Editrice: Edizioni e/o

 

Il romanzo comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L’autrice scava nella natura complessa dell’amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l’Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l’andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l’autrice ci ha abituati. Si tratta di quel genere di libro che non finisce. O, per dire meglio, l’autrice porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell’infanzia e dell’adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto.

image

Ero al mare quando mia cugina mi sorprese regalandomi L’amica geniale.
Grazie a questo gesto, sapevo che comunque fosse andata la lettura, questo romanzo mi sarebbe entrato nel cuore e mi avrebbe per sempre ricordato un momento speciale.
In realtà, non sapevo bene cosa aspettarmi da questo libro e dalla sua autrice misteriosa (della quale non si sa nulla se non lo pseudonimo dietro al quale si cela). Ne avevo sentito parlare, ovviamente, ma per qualche ragione non mi ci ero mai soffermata più di tanto. Quel che è certo, è che non mi aspettavo di essere rapita e trascinata in un mondo non poi così lontano dal mio, nel tempo e nello spazio, né che mi sarei affezionata così a quelle due amiche, entrambe geniali.

L’amica geniale ambienta la sua storia negli anni ’50, in un quartiere misero di Napoli. È il primo di quattro libri che vedono protagoniste Lila, Lenù ed il loro mondo. Ogni libro rappresenta una fase di vita, ed in particolare, L’amica geniale racconta della loro infanzia e della loro adolescenza.
Ma cos’ha di così speciale un libro che racconta la vita di due ragazzine? La sua semplicità disarmante. È una storia che ti prende per mano e ti accompagna lungo momenti della vita che tutti abbiamo percorso. Ti rapisce, e ancor più ti rapiscono queste due ragazzine, che smettono di essere personaggi inventati: i loro gesti, le loro abitudini, le loro voci vanificano i confini imposti dalle pagine e diventano reali. Inizi a chiamarle per nome. Lila e Lenù. Lenù e Lila. Sono accanto a te e non puoi smettere di leggere. Alla fine del libro ti mancano e ti mancheranno ancora di più mentre la storia va avanti e la vita fa il suo corso inesorabile. È una storia che intrecciandosi alla vita di quartiere e a quella dei suoi abitanti parla di amore e di amicizia, di stasi e di rivalse, di riscatti e di abissi incolmabili. Un’avventura troppo bella, quale è la vita, per non lasciarsi coinvolgere.

Annunci

4 thoughts on “Recensione: L’Amica Geniale”

  1. Dalla tua recensione sembra davvero un libro molto bello e interessante. Troppi libri da leggere e troppo poco tempo! Porca miseria!
    (questo lo dico perchè ormai passo le serate a scrivere, ultimamente ho un ritmo molto più serrato poichè con il primo romanzo potevo prendermela comoda, con i seguiti non posso proprio, devo essere veloce e stare nei tempi)

    Mi piace

    1. Posso immaginare! E visto il dono che hai non ti distrarrei dalla scrittura….ma se ne avrai voglia, leggili questi quattro libri. La loro semplicità li rende disarmanti. Mai avrei pensato che mi potesse piacere questa tipologia di romanzo ma la “Ferrante” ha una scrittura unica.

      Liked by 1 persona

      1. Grazie mille davvero per il complimento! Devo rivedere un attimo i miei tempi e farmi venire meno ansia per commentare i blog di tutti, se riesco la sera a isolarmi e scrivere e basta posso staccare dal pc prima e avere più tempo per leggere. E’ tutto a incastro 😛

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...