Tag

BookTag: I Colori dei Libri

image

Buon giorno e buona Domenica amici di Libralia!!  Mi scuso per la totale assenza durante questa settimana appena passata, ma ho avuto dei giorni terrificanti, lavorativamente parlando. Finalmente riesco a dedicare del tempo al blog e, siccome è Domenica, ho pensato di tornare con qualcosa di frivolo e poco stancante, approfittando per farvi un saluto e anticiparvi l’arrivo di articoli interessanti durante questa settimana!! Ma passiamo al Tag: sono stata nominata, ormai un secolo fa, dalla pazientissima Laura, autrice di Racconti dal Passato. Se non lo avete ancora fatto (cosa inaudita) correte a leggere il suo blog! Le regole sono le stesse: citare il creatore del tag Una contraddizione ambulante, usare la stessa immagine in cima al post,  indicare chi vi ha nominati e, per finire, nominare altri cinque blog! Ed ora passiamo alle domande!! image Arancione: armonia interiore. Quale libro ti ha soddisfatta per il finale. Iniziamo male: tutti i libri che consiglio di leggere mi hanno, fra le altre cose, soddisfatta per il loro finale. Un pessimo finale segna la condanna del libro stesso. Un binomio che stento a dividere.

Grigio: prudente attesa. Per quale libro stai aspettando il momento giusto per leggerlo? La Magiara, di Alessio Fabbri. Più che il momento giusto, sto aspettando di rientrare in Italia per le vacanze e acquistarlo lì, evitando tempi di consegna interminabili qui negli States!

Verde: Conoscenza superiore. Un libro che ti ha aperto gli occhi. Sarò ripetitiva, avendolo citato già altre volte: Donne che corrono coi lupi. Ormai è un testo sacro che viaggia con me.

Rosso. Passione. L’amore più appassionato che tu abbia letto. Tristano e Isotta. È sicuramente fra gli amori più appassionati che io abbia letto, ed è anche quello più vivo nella mia memoria visto che ne ho da pochi giorni terminato la lettura.

Giallo. Creatività. Il libro con una storia intricata di cui hai pensato “l’autore/autrice” è geniale. Lo so, ci sono thriller, gialli e saghe grandiose che potrei nominare, ma c’è un libro per ragazzi, letto secoli fa, che non fa che tornarmi in mente: Vacanze al cimitero. Credetemi, un libro spettacolare. È un mystery, ma divertente. Battute e personaggi talmente particolari che stimolerebbero chiunque alla lettura. Semplicemente geniale. Lo farei leggere a tutti i pupetti che stanno crescendo!

Nero. Negazione. Un libro che hai odiato fin proprio alla fine. Non me ne vogliate: il Gattopardo. Una delle letture imposte che io non riuscivo proprio a masticare. Sarà stato il periodo sbagliato, sarà stato il modo….ma l’ho odiato.

Indaco. Risveglio interiore. Un libro che ha messo in crisi le tue certezze Lo straniero inventato, di Milena Mao, mia professoressa all’università. Forse non ha messo in crisi le mie certezze (si trattava di concetti che ho sempre condiviso sulla “diversità”), ma sicuramente mi ha posto di fronte alla relatività dei fatti, mutevoli e spesso diametralmente opposti se visti con occhi altrui. Concetti che mi sono entrati dentro e che non mi hanno più abbandonata, aiutandomi a riflettere e ad agire nella vita di tutti i giorni.

Blu: Tranquillità. Un libro distensivo. Il profumo del pane alla lavanda, di Sarah Addison Allen. Ed in generale un pò tutti i suoi libri: storie poco impegnative, ma che rilassano e fanno sognare.

Viola. Attitudine a identificarsi col prossimo. Quale personaggio ti rispecchia di più? Personaggio storico di cui se ne sa poco (per i non appassionati), e su cui in molti ormai hanno romanzato: Boudicca.

Rosa. Amore per se stessi e gli altri. Un personaggio che non volevi morisse. Di personaggi per cui ho versato una lacrimuccia ce ne sono stati parecchi nel corso degli anni, ma succedeva di rado. Poi è arrivato George R.R. Martin a complicare le cose, dando il colpo di grazia al mio sistema nervoso (oltre che ai suoi personaggi).

Marrone. Soddisfazione a livello fisico. Un libro erotico e piacevole. Non sono un’amante del genere e quei pochi libri letti mi hanno spesso irritata. Ci sono scene erotiche sparse in vari libri che ho trovato ben raccontate, ma non ricordo nessuna in particolare. Ad ogni modo si è sempre trattato di poche pagine inserite all’interno di una storia più grande.

Azzurro. Comunicazione. Un personaggio al quale veniva voglia di urlare i tuoi consigli. A Vaniglia, nell’omonimo romanzo di Lorenzo Marini. Se non lo avete letto, rimediate! È un libro troppo particolare.

Bianco: comprende tutti i colori. Ergo: il miglior libro che hai letto. E concludiamo altrettanto male XD Non esiste per me “il libro”. Ci sono libri che mi hanno segnata e che mi porto dentro pur essendo stilisticamente imperfetti. Altri impeccabili dal punto di vista tecnico nel loro genere. Non saprei davvero rispondere se non con un elenco (che per oggi vi risparmio)! image   Nomino: –Everpop (caro il mio Lewis, pensavi forse di poter sfuggire?!); –Mi piace un Tot! ; –The Curly Haired Readers ; –La casa dei libri e Lettere sulle dita !!! Buon divertimento ragazzi, spero possa farvi piacere!!

Annunci

8 thoughts on “BookTag: I Colori dei Libri”

  1. Grazie mille!!! Sono molto felice che “La Magiara” ti stia aspettando e che presto vi “incontrerete” 🙂
    Sono sicuro che ti porterà la stessa emozione che ha portato a me scriverlo.

    Liked by 1 persona

  2. Il solo titolo del post fa anche pensare all’importanza dei colori nelle copertine dei libri,la grafica,le foto,Pensa a dei libri con copertine anonime! byeee!!!! 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...