Recensioni

La Mappa del Destino

image

 

Autore: Glenn Cooper

Anno: 2011

Titolo Originale: The Tenth Chamber

Traduttore: Februari V., Rincori A. 

Casa Editrice: Nord

Collana: Narrativa Nord

Numero di pagine: 410

Per settecento anni è rimasto nascosto in un muro dell’abbazia. Poi una scintilla ha scatenato un incendio e il muro è crollato. Stupito, l’abate Menaud sfoglia quel volume impreziosito da disegni di animali e di piante. È scritto in codice, ma le prime parole sono in latino: “Io, Barthomieu, monaco dell’abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia.” Per migliaia di anni è rimasto immerso nell’oscurità. Poi un’intuizione ha squarciato le tenebre. Incredulo, l’archeologo Lue Simard cammina in quel grandioso complesso di caverne, interamente decorate con splendidi dipinti rupestri. E arriva all’ultima grotta, la più sorprendente, dove sono raffigurate alcune piante: le stesse riprodotte nell’enigmatico manoscritto medievale… Per un tempo indefinibile è rimasto avvolto nel mistero. È stato custodito da santi e da assassini, è stato una fonte di vita e una ragione di morte. Poi un imprevisto ha rischiato di svelarlo agli occhi del mondo. Spietati, gli abitanti di Ruac non hanno dubbi: i forestieri devono essere fermati. Perché la cosa più importante è difendere il loro segreto. A ogni costo.


Avete presente quelle serate in cui avete voglia di leggere tutto e niente? Quei momenti in cui aprite un libro, leggete poche righe prima di richiuderlo e passare ad altro? Ecco. Quando iniziai a leggere La Mappa del Destino era esattamente uno di quei momenti lì. Tuttavia, conoscendo Glenn Cooper, sapevo che si trattava di una garanzia. Ciò che mi serviva era solo il giusto appiglio.

Ruac, 1307.

“Io, Barthomieu, monaco dell’abbazia di Ruac, ho duecentoventi anni. E questa è la mia storia.”

Perfetto: usate storia e mistero come esca ed io, pesce, avrò abboccato all’amo prima ancora di essermene accorta. Una data, infatti, equivale sempre ad un biglietto per farti viaggiare nel tempo. Il resto della frase invece ti cattura, usando lo stratagemma del desiderio, oltre che del mistero, facendoti accarezzare ciò che hanno sempre voluto ottenere gli uomini di ogni tempo: l’immortalità.

Da questo momento in poi, per le prossime 400 pagine, non farete altro che tornare con la mente a questa frase.

La storia inizia ai giorni nostri, con un incendio all’interno dell’abbazia di Ruac e del successivo ritrovamento di un antico manoscritto.
Il protagonista è l’affascinante archeologo Luc Simard: un latin lover, apparentemente sordo a sentimentalismi d’ogni genere. Luc, grazie al manoscritto e ad una mappa contenuta in esso, compie una di quelle scoperte che ogni archeologo sognerebbe di fare: rileva una caverna preistorica, composta da dieci camere (da qui il titolo originale, che avrei preferito rimanesse tale anche nella versione italiana) perfettamente conservata nel tempo, priva di ogni segno temporale o umano successivo.
Una storia che quindi sembra avere inizio ai giorni nostri, ma che in realtà affonda le sue radici agli albori dei tempi, in una Europa ancora terribilmente selvaggia.
La trama infatti, è strutturata su ben quattro diversi livelli temporali ed è avallata dalla presenza di personaggi storici, realmente esistiti. Leggendo questo libro, vi ritroverete a saltare con un’incredibile coerenza ed armonia fra i giorni nostri, il medioevo, l’età preistorica e la seconda guerra mondiale, ricevendo descrizioni paesaggistiche vivide e spiegazioni archeologiche. Ennesima peculiarità dello scrittore, è quella di fornire spiegazioni tecniche precise senza però scadere in discussioni pedanti e complesse. Ma d’altronde, è di Mr. Cooper che stiamo parlando: laureato in archeologia ad Harvard cum laude.
Tornando alla trama, le ricerche storiche del protagonista e della sua squadra, saranno tuttavia funestate da episodi di morte e da incidenti (apparentemente indipendenti fra loro) e dall’ostilità degli abitanti della piccola comunità di Ruac.
Omicidi, misteri, miti, storia, amore….questi, sono solo alcuni degli ingredienti presenti in questo libro. Un libro che si fa leggere d’un fiato, avvincente e appassionante.
Se siete amanti del mistero, della suspense e della storia, questa è una lettura che non potete perdere.

Il mio voto?
5/5, ovviamente.

Annunci

2 thoughts on “La Mappa del Destino”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...